Corso propedeutico Jazz

Logo Conservatorio Rossini

 

 

 

 

JAZZ Corsi propedeutici

Programma esame di ammissione (Basso elettrico, Batteria e percussioni jazz, Canto jazz, Chitarra jazz, Clarinetto jazz, Contrabbasso jazz, Pianoforte jazz, Saxofono jazz, Tromba jazz, Trombone jazz).

La prima prova tende a verificare le abilità strumentali e la maturità musicale del candidato, la seconda le conoscenze teoriche e di cultura musicale di base.

PRIMA PROVA
1) Scale e arpeggi o, nel caso dei batteristi, di figurazioni ritmiche di base.
2) Esecuzione di due brani a scelta del candidato di genere jazz o comunque “moderno”. L’esecuzione dovrà prevedere anche una semplice improvvisazione.
3) Definizione formale e collocazione in un contesto storico-stilistico dei pezzi presentati.
4) Lettura estemporanea di un facile brano o di una breve successione di sigle cordali o, nel caso di batteristi, di una semplice parte di batteria.

La commissione si riserva di interrompere la prova in qualsiasi momento.

Testi consigliati a titolo puramente indicativo:
• Lettura: qualsiasi metodo di solfeggio parlato e/o ritmico
• Storia: una qualsiasi Storia del Jazz anche di stampo divulgativo, come ad es. Il libro del jazz. Dal ragtime al XXI secolo Joachim E. Berendt, Günther Huesmann, 2015, Odoya oppure Jazz Polillo Arrigo, 1998, Mondadori
• Teoria: Teoria, Armonia e nozioni Jazz S. Gramaglia 2010 Ricordi o altri testi similari
• J. Aebersold: Vol. 2 Nothin´ But Blues; Vol. 43 Groovin’ High; Vol. 57 Minor Blues In All Keys
• Per saxofonisti e clarinettisti: Technique for the Saxophone-Basic. Lennie Niehaus

SECONDA PROVA
1) Leggere un solfeggio estemporaneamente, mediante sillabazione o percussione, nelle chiavi di violino e basso con figurazioni ritmiche nei tempi semplici e composti consoni al repertorio strumentale o vocale richiesto in sede di ammissione.
2) Lettura cantata di semplici melodie nei modi diatonici maggiore e minore.
3) Scrivere sotto dettatura semplici frammenti melodici con intervalli maggiori, minori, giusti e riconoscere semplici strutture cadenzali basate sulle funzioni armoniche di tonica, sottodominante, dominante.
4) Rispondere a domande di teoria riguardanti scale, intervalli, triadi, tonalità.

NB: sono esonerati dalla seconda prova i candidati che siano in possesso della certificazione di livello A di TRPM acquisita nei corsi preaccademici del Conservatorio Rossini o delle Scuole con esso convenzionate ovvero in possesso della licenza di Solfeggio di vecchio ordinamento ovunque acquisita.