Corso propedeutico Percussioni

Logo Conservatorio Rossini

 

 

 

Strumenti a percussione Corso propedeutico

Programma esame di ammissione

La prima prova tende a verificare le abilità strumentali e la maturità musicale del candidato, la seconda le conoscenze teoriche e di cultura musicale di base.

PRIMA PROVA
XILOFONO/VIBRAFONO/MARIMBA
1) Scale maggiori e minori e relativi arpeggi. L’estensione deve essere quella massima consentita dallo strumento e comunque, non inferiore a due ottave.
2) Esecuzione di uno studio scelto dai metodi: 
– Goldemberg, Modern school for Xylophone, Marimba and Vibraphone
– D. Friedman, Vibraphone Technique dampening and pedaling (dal n. 1 al n. 18) 
– D. Samuels, A musical approach to four mallet technique for Vibraphone vol. 1
– R. Wiener, Solos for Vibraphone
– A. Buonuomo, Bach Trascrizioni per marimba, vibrafono e xylofono
– G. H. Green, Xylophone Rags 
TAMBURO
3) Tecnica varia (rullo singolo, doppio e press, paradiddle, acciaccature semplici e multiple, accenti). 
Esecuzione di due studi scelti dai metodi: 
– G. Chaffee, vol. IV Technique – Patterns
– M. Goldemberg, Studi (da pag. 44 a pag. 68) 
– M. Peters, Elementary snare drum studies (da pag. 39) 
– J. Delecluse, Méthode de caisse claire (da pag. 20) 
– D. Agostini, vol 1 Méthode de Batteria (un assolo per drum set)
– J. Chapin, vol. 1 (un assolo per drum set)
4) Lettura estemporanea di un facile brano assegnato dalla commissione.
La commissione si riserva di interrompere la prova in qualsiasi momento.

SECONDA PROVA
1) Leggere un solfeggio estemporaneamente, mediante sillabazione o percussione, nelle chiavi di violino e basso con figurazioni ritmiche nei tempi semplici e composti consoni al repertorio strumentale o vocale richiesto in sede di ammissione.
2) Lettura cantata di semplici melodie nei modi diatonici maggiore e minore.
3) Scrivere sotto dettatura semplici frammenti melodici con intervalli maggiori, minori, giusti e riconoscere semplici strutture cadenzali basate sulle funzioni armoniche di tonica, sottodominante, dominante.
4) Rispondere a domande di teoria riguardanti scale, intervalli, triadi, tonalità.