Bacheca studenti e docenti

 Indice
Calendari esami
Bandi, audizioni e borse di studio
Eventi e produzioni
Iscrizione agli esami
Area riservata studenti
Area riservata docenti
Gestione aule
Indicazioni per la prenotazione

 

Decreto Milleproroghe: equipollenza diplomi Vecchio Ordinamento

Approvato il 23 febbraio 2017 il Decreto Milleproroghe. Esso presenta alcune novità per il settore AFAM

  • equipollenza dei diplomi del Vecchio Ordinamento ai diplomi accademici di secondo livello se conseguiti fino al 31 dicembre 2021, con il possesso del diploma di scuola secondaria superiore (art. 4 c. 5 ter DL 244/2016 – Proroga di termini in materia di istruzione, università e ricerca).

http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2017/02/28/17G00033/sg

Premio Nazionale delle Arti – XII Edizione 

Il MIUR indice il Premio Nazionale delle Arti_XII edizione. Possono concorrere al Premio tutti gli studenti regolarmente iscritti alle Istituzioni ai corsi accreditati del Sistema AFAM  negli anni accademici 2015/’16 e 2016/’17.

Per avere tutte le informazioni, consultare:

 

Premio Nazionale delle Arti – XII Edizione – Sezione Pianoforte

Il Conservatorio di Musica “G. Rossini” di Pesaro è sede designata dal MIUR allo svolgimento delle prove finali del concorso “Premio Nazionale delle Arti” per la sezione Pianoforte.

La prova finale del Concorso si terrà nei giorni 7 e 8 luglio 2017 presso la sede del Conservatorio. Il vincitore del Concorso si esibirà in un concerto pubblico nell’ambito della stagione 2017/2018 dell’Ente Concerti di Pesaro.

Scarica qui il regolamento del Concorso.

Cessazione dal servizio del personale docente e tecnico-amministrativo per l’anno accademico 2017/2018

Sono state fornite dal MIUR le indicazioni operative relative alle modalità ed alla tempistica delle cessazioni dal servizio all’1.11.2017 del personale docente e tecnico-amministrativo dei Conservatori di Musica.

Scarica qui la nota del MIUR e qui la successiva nota di chiarimenti dal MIUR.

Scosse di Terremoto – Esito verifiche presso Palazzo Olivieri

Si comunica che tutte le verifiche tecniche effettuate dagli esperti incaricati dalla Fondazione Rossini, dopo ciascuno dei recenti e rilevanti eventi sismici, non hanno riscontrato alcun tipo di modificazione strutturale imputabile a tali eventi.

Si allegano al presente avviso le procedure di evacuazione rivolte a docenti ed alunni e le norme di comportamento generale da tenere in caso di eventuale emergenza.

NOVITÀ per PIANI di STUDIO

Si comunica che, come da delibera del C.A. del 15/07/2016, nelle attività formative a scelta dello studente è possibile inserire – oltre ai corsi liberi e previo accordo con il docente prescelto – un qualsiasi corso attivato nei piani di studio di triennio e biennio (ad esempio oboefagottocornobasso tubacontrabbassodidattica, ecc.),  previa verifica di disponibilità del docente prescelto.

Qualora lo studente non abbia alcuna competenza nel corso scelto, tale corso tratterà i fondamenti della materia (per es.: elementi di base di fagotto) e potrà essere frequentato o con l’intero orario previsto e la maturazione di 6 CFA o, in alternativa, con metà dell’orario e la maturazione di 3 CFA. Per quanto riguarda i corsi della Scuola di Didattica della Musica, si precisa che, se una disciplina della suddetta Scuola viene scelta come attività formativa a scelta dello studente, verranno utilizzati i programmi ufficiali dei corsi attualmente vigenti e che pertanto, in caso di successiva iscrizione alla Scuola di Didattica della Musica, è previsto l’esonero dalla frequenza dei corsi già frequentati.

CRITERI ATTRIBUZIONE CREDITI per corsi attivati nei piani di studio di triennio e biennio scelti come attività formativa a scelta dello studente

Si specifica che:

– qualora lo studente scelga un corso attivato nei piani di studio di triennio e biennio che prevede più di 6 CFA come attività formativa a scelta dello studente, gli saranno attribuiti 6 CFA;

– qualora lo studente scelga un corso attivato nei piani di studio di triennio e biennio che prevede meno di 6 CFA, gli sarà  attribuito il numero di crediti previsto dalla materia nel piano di studi;

– potrà essere effettuata la scelta di frequentare il 50% del corso (con relativa attribuzione del 50% dei crediti previsti, anche in relazione ai due criteri sopra enunciati) solo per quanto riguarda materie con lezione individuale.

N.B. Per l’attribuzione dei crediti, è sempre prevista la verifica (esame) finale.

ELENCO CORSI LIBERI [UTILIZZABILI COME “ATTIVITA’ FORMATIVA A SCELTA DELLO STUDENTE”]  E LABORATORI

Anno Accademico 2016/2017

NOVITÀ per PIANI di STUDIO

Si comunica che, come da delibera del C.A. del 15/07/2016, nelle ‘attività formative a scelta dello studente’ è possibile inserire – oltre ai ‘corsi liberi’ – un qualsiasi corso attivato nei piani di studio di triennio e biennio (ad esempio ‘didattica’, ‘fagotto’, ‘contrabbasso’, ecc.), previa verifica di disponibilità del docente prescelto.Qualora lo studente non abbia alcuna competenza nel corso scelto, tale corso tratterà i fondamenti della materia (per es.: ‘elementi di base di fagotto’) e potrà essere frequentato o con l’intero orario previsto e la maturazione di 6 CFA o, in alternativa, con metà dell’orario e la maturazione di 3 CFA. Per quanto riguarda i corsi della Scuola di Didattica della Musica, si precisa che, se una disciplina della suddetta Scuola viene scelta come ‘attività formativa a scelta dello studente’, verranno utilizzati i programmi ufficiali dei corsi attualmente vigenti e che pertanto, in caso di successiva iscrizione alla Scuola di Didattica della Musica, è previsto l’esonero dalla frequenza dei corsi già frequentati.

Consegnare in Segreteria il modulo compilato con l’indicazione dei corsi scelti

entro e non oltre il 23 dicembre 2016

Corsi a scelta Docente Ore Crediti Esame
Canto gregoriano e Coro gregoriano Gravagna Gabriele  24 3
Corsi del piano di studi di Didattica della musica Docenti vari a seconda del corso scelto
Ensemble di ottoni Piaggesi Vincenzo 18 3
Harmonium (per studenti di Biennio di organo, pianoforte, fisarmonica e clavicembalo) Franzoni Giovanna 18 3
HD recording I e II  Calosci Antonio 24 3
il clarinetto basso Brunelli Agide 18 3
Il clarinetto piccolo Canini Romolo 18 3
Il corno di bassetto I e II Partisani Gino 18 3
L’arte organaria e la letteratura organistica a due organi Mazzi M.C.,Secchiero S. 40 6
La musica pratica e la didattica teorica nella composizione musicale dal 1600 ai gg. Nostri Agostinelli Federico Augusto 18 3
Lingua francese applicata al canto Benelli Giulia 18 3
Nozioni e pratica dell’esercitazione corale Cicconofri Aldo 18 3
Preparazione delle lezioni-concerto per visite guidate in Conservatorio Mazzi Maria Chiara 24 3
Ritmica e notazione contemporanea Moretti Luca 18 3
Storia e diritto delle istituzioni scolastiche Mengoni Clizia 18 3
Tecniche analitiche dalla parte dell’ascoltatore Livi Luigi 18 3
 
Laboratori Docente Ore Crediti Esame
Laboratorio Orchestra ritmica del Conservatorio Rossini Gualandi Gian Marco  24 3
Laboratorio per la preparazione delle guide all’ascolto per I Concerti del Sabato    Mazzi Maria Chiara 25 3
 
 
INFORMATIVA Legge 107/2015

INFORMATIVA PER GLI STUDENTI E PER GLI INTERESSATI ALLA FREQUENZA DI CORSI SINGOLI NELLE MATERIE PREVISTE DALLA LEGGE N. 107/2015 PER L’ACCESSO AI CONCORSI A CATTEDRA

La legge del 13 luglio 2015 n. 107 “Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti”, più nota come legge sulla buona scuola, ha previsto, fra l’altro, nuove modalità di accesso all’insegnamento, dettandone i principi e i criteri direttivi generali (cfr. articolo 1 ,commi 180 e 181).

L’accesso alla docenza avverrà, pertanto, esclusivamente per concorso, cui si verrà ammessi soltanto se in possesso di una Laurea specialistica o magistrale coerente con la classe di concorso, oppure di un Diploma accademico di secondo livello (o Diplomi di V.O. equipollenti) per le materie di ambito musicale coerente con la classe di concorso, unita al conseguimento di almeno 24 crediti formativi universitari (CFU) o accademici (CFA) “nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e in quelle concernenti le metodologie e le tecnologie didattiche”.

Uno specifico  decreto legislativo attuativo, nel rispetto di tali indicazioni, disciplinerà più compiutamente la materia entro diciotto mesi dall’emanazione della legge 107, così come previsto dall’articolo 1, commi 180 e 181.

Basandosi sulle normative che negli anni passati hanno istituito e disciplinato  i percorsi abilitanti -sia ordinari sia speciali- e i tirocini formativi attivi, nonchè i relativi piani di studio nel settore Afam (d.m.137/2007; d.m.249/2010; d.m.249/2010; d.m.92/2012), si hanno elementi per ritenere che tali materie possano essere le seguenti:

Didattica della composizione, Didattica dell’ascolto, Direzione di coro per Didattica della Musica, Pedagogia musicale per Didattica della Musica, Storia e diritto delle istituzioni scolastiche.

I crediti richiesti genericamente dalla legge 107/2015 possono essere già previsti nei curricula di alcune lauree, lauree magistrali, diplomi accademici, ma -se non compresi- si possono ugualmente ottenere attraverso percorsi di studio aggiuntivi.

Il Conservatorio Rossini di Pesaro, se necessario, si adeguerà prontamente alle nuove disposizioni, dandone adeguata e tempestiva informazione sul proprio sito internet.

Nell’attesa, l’Istituto offre, sia agli iscritti ai propri corsi accademici, sia agli esterni, la possibilità di conseguire i crediti richiesti con le modalità seguenti:

1) gli iscritti possono inserire nel piano di studi, alla voce Attività formative a scelta dello studente, una delle materie rientranti nelle Discipline antropo-psico-pedagogiche oppure nelle Metodologie e tecniche didattiche; adempiuti gli obblighi di frequenza e superato il relativo esame, acquisiranno crediti certificati, spendibili in un eventuale altro percorso accademico e per l’accesso al concorso a cattedre. Se la normativa futura richiedesse un numero superiore di crediti, i 24 già acquisiti concorreranno a diminuirne il numero;

2) i non iscritti possono frequentare una o più materie (fino ad un massimo di tre, come avviene nelle facoltà universitarie), sotto forma di Corsi singoli, previo accordo col docente interessato, versamento della tassa di iscrizione e della quota di frequenza (euro 500 per ciascun corso) .

La frequenza di corsi singoli non è incompatibile con quella di facoltà universitarie.