Alberto Domizi

Alberto Domizi
SASSOFONO
a.domizi@conservatoriorossini.it
domizi@alice.it
www.albertodomizi.it

domizi

Nato nel 1957, diplomato in Sassofono con il massimo dei voti presso il Conservatorio G. Rossini di Pesaro nel 1979, prosegue gli studi in Francia: all’Académie Internationale d’Eté di Nizza e presso il Conservatoire National de Règion di Bordeaux. Qui consegue nel 1982 il diploma in Sassofono e in Musica da Camera sotto la guida di Jean-Marie Londeix.

In questo periodo svolge attività concertistica con l’Ensemble International de Saxophones diretto dal M° Londeix e con il Quatuor de Saxophones Françis Valonne.

Vincitore di concorsi internazionali, ottiene il 1° Premio Assoluto a Stresa nel 1979 e a Capri nel 1987.

Da solista o in formazione cameristica effettua moltissime prime esecuzioni assolute di importanti compositori tra i quali Boudreau (CA), Cerha (A), Courtioux (F), Delli Pizzi (I), Dubois (F), Ekimovsky (U.R.S.S.), Fusté-Lambezat (F), Lubat (F), Nicolau (GR), Pavlenko (U.R.S.S.), Sauguet (F).

Ha effettuato centinaia di concerti in Italia e all’estero (Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Norvegia, Slovenia, Spagna). Suona anche in veste di solista con prestigiose orchestre quali l’Orchestre de Bordeaux-Aquitaine, l’Orchestra Sinfonica della RAI di Torino (nell’ambito della Biennale Musica di Venezia), l’Orchestra Filarmonica Marchigiana. Particolarmente importante, nel 1992, la prima esecuzione assoluta del Concerto per Sassofono e Orchestra del M° Eduardo Hubert Por las Americas (composizione dedicata al M° Domizi) presentata al Teatro Rossini di Pesaro, in occasione del X World Saxophone Congress.

Nel 1984 fonda il Quartetto d’Ance Italiano (Ob. Cl. Sax Fag.), col quale si è dedicato ad una impegnativa attività di ricerca e di diffusione della musica contemporanea. Nel 1987 con il Quartetto d’Ance Italiano ottiene il 2° premio al Concorso Internazionale di Musica per Giovani Città di Stresa (categoria “Gli strumenti nell’avanguardia musicale”).

Nel 1990 fonda il Sax Chorus, orchestra cameristica formata da 12 sassofoni in cui svolge il ruolo di Direttore. con il quale prende parte a festivals e manifestazioni di livello internazionale: World Saxophone CongressFestival Internazionale di Musica da Camera Contemporanea di Udine, Stage Internazionale del Sassofono di Fermo. Nel 1994 la formazione vince la selezione nazionale indetta dalla Gioventù Musicale d’Italia, primeggiando fra le oltre 450 realtà musicali partecipanti.

Dal 2000 svolge attività concertistica con il Quartetto di Sassofoni Alea, esplorando un repertorio cameristico di composizioni originali per quartetto.

Ha effettuato registrazioni discografiche per le etichette Fonit CetraPinkhouseAnthology Record e radiofoniche e televisive per la RAI Radiotelevisione Italiana, per la rete televisiva francese FR3 e per la Radio Koper-Capodistria Radiotelevizija Ljubljana.

Con il Sax Chorus è autore di due incisioni: la prima, nel 1996, dedicata ad autori francesi ed americani; la seconda, nel 2002, rivolta al panorama della musica contemporanea italiana, con musiche dedicate e scritte appositamente per il Sax Chorus.

A lui sono dedicate le opere originali di numerosi compositori: Bianchini, Coco, Ferrante, Gabrieli, Hubert, Ivaldi, Lolini, Lugli, Masini, Nicolau, Samorì, Tesei, Zanettovich. Da menzionare in particolare la composizione Percorso i (Edizioni Raitrade) per Sassofono solo (Alto o Tenore) scritta e dedicatagli nel 2006 dal M° Giacomo Manzoni.

Membro fondatore dell’Associazione Sassofonisti Italiani, è anche direttore della rivista ufficiale Il Sassofono fino al 1992.

E’ curatore dell’edizione italiana in due volumi del metodo per sassofono di Jean-Marie Londeix Il sassofono nella nuova didattica (Ed. Bèrben) (60.000 copie vendute).

Nel 1998 è stato invitato, quale unico rappresentante italiano, a far parte della prestigiosa giuria del 2nd International Competition Adolphe Sax a Dinant (Belgio), considerato il più importante concorso a livello mondiale per sassofonisti, di cui Domizi è Membro Onorario dal 2002.

Nel giugno 2003 e nell’ottobre 2006 la Direzione Generale per l’Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica, lo nomina Componente Esperto della Commissione Nazionale di valutazione dei titoli accademici di triennio di I livello e Biennio di II Livello.

Solista, ma anche pedagogo scrupoloso, è docente in seminari e masterclasses dedicati al perfezionamento della tecnica strumentale e della didattica del sassofono. Ha tenuto corsi in sedi prestigiose, di rilievo le recenti masterclass presso il prestigioso Real Conservatoire Superior de Música de Madrid nel 2010 e il Conservatoire National di Parigi Boulogne-Billancourt nel 2012.

Dal 1985 al 1994 insegna presso il Conservatorio di Musica L. D’Annunzio di Pescara. Dal 1994 è ordinario della cattedra di Sassofono presso il Conservatorio di Musica G. Rossini di Pesaro (Istituto Superiore di Studi Musicali – Istituto di Alta Cultura). Nel prestigioso istituto musicale pesarese è anche direttore della Rossini Saxophone Orchestra con la quale nel 2014 ha inciso un Compact Disc dal titolo Tribute to Adolphe Sax in occasione delle Celebrazioni per il 200° anniversario della nascita di Adolphe SAX. Alberto Domizi è coordinatore responsabile dei rapporti con i Licei Musicali e Convenzioni con Enti esterni al Conservatorio Statale di Musica G. Rossini di Pesaro.

L’Associazione Internazionale SaxAmE (The Saxophone in America and Europe) ha inserito Alberto Domizi nel volume Saxophone soloists and their music. L’opera, pubblicata dalla Indiana University Press, raccoglie le biografie dei più significativi sassofonisti degli ultimi venti anni.